Vademecum

Una raccolta iniziata in quarantena. Un insieme di buone abitudini per vivere meglio e, forse, più a lungo

Verità e Vitalità

Quando scegli di iniziare a non mentire più a te stesso e agli altri inizi a vedere un mondo nuovo intorno. La verità a poco a poco si rivela. Ed è sempre stata lì, davanti ai tuoi occhi, scritta sui muri, sulla bocca di tutti…

Bugie, gossip, discussioni, lamentele abbassano il livello energetico e tutto appare più pesante e faticoso.
La frequenza della verità è una frequenza più sottile, più elevata, ma ci vuole allenamento costante per allinearsi con essa, è una scelta quotidiana da fare con consapevolezza.

La vitalità di ogni nostra singola cellula corrisponde alla vitalità del nostro essere e dipende da ciò che facciamo, mangiamo e pensiamo.
Per questo motivo è necessario abbandonare le abitudini che ci abbassano il livello energetico e iniziare a coltivare quelle che ne favoriscono il ripristino.

01

Quella vera spesso è gratis.
È primavera e come dice Battiato
anche tu “fosti un’ape delicata”…
Godi della bellezza dei fiori ✨
Cerca la bellezza in ogni cosa e ti sentirai rigenerato.Se puoi, se hai un balcone o un giardino pianta dei fiori o dei semi, morte vuol dire anche nuova vita ✨

02

Espira fuori tutta l’aria e lascia poi che nasca spontaneo un nuovo inspiro. Fai spazio al nuovo facendo uscire il vecchio.
Aristotele:
Se c’è soluzione perché ti preoccupi?
Se non c’è soluzione perché ti preoccupi?

E chi di voi può con la sua preoccupazione aggiungere un’ora sola alla durata della sua vita?
Mt 6, 27

03

Gli artisti si ritirano spesso nel loro mondo per ascoltarsi e creare. In realtà credo che accedano al mondo dell’anima, che è un mondo universale, dove il linguaggio è simbolico e perciò universalmente accessibile a tutti. Le poesie, e in generale tutte le opere d’arte ispirate dalla luce, sono porte aperte sul mondo dell’anima dove tutto è sempre connesso. Integro. Uno. O come canta Francesca Michielin l’anima è un luogo dove non c’è “nessun grado di separazione” ✨
Dove sentirsi vicini anche a km di distanza forzata.

04

Ancora nel 2004 Lenny Kravitz cantava
“where are we runnin’?”
.
Il pianeta, la nostra casa, è in sofferenza e noi non riusciamo a far altro che lamentarci?!
C’è sovrapproduzione di tutto, inquinamento, overload di informazioni…
.
Solo se si rallenta si vedono meglio i dettagli. Solo se rallentiamo possiamo capire come aggiustare le cose.
.
Benvenuto a questo super freno a mano che ha rallentato la corsa al consumismo
(O state facendo acquisti compulsivi su Amazon?). .

Provate a passare una giornata senza fare niente; noi la chiamiamo una “giornata pigra”. Eppure, per molti di noi, abituati a correre da una parte all’altra, una giornata pigra è realmente un compito assai arduo!

Non è facile essere e basta. Se riuscite ad essere felici, rilassati e sorridenti, quando non state facendo qualcosa, siete abbastanza forti. Non fare niente porta qualità nell’esistenza, che è molto importante. Così, non fare niente è veramente qualcosa. Per favore, scrivetelo e mettetelo in evidenza all’interno della vostra casa: Non fare niente è qualcosa.
.
(Da: Thich Nhat Hanh, “Answers from the Heart”, Parallax, 2009)

05

Fai silenzio

È stato detto di tutto da tutti. Ma la veritá è nel cuore di ognuno. Fai silenzio e cerca dentro.

Il silenzio è una lente di ingrandimento
Sight + Lens… Aiuta a vedere meglio.
Fai silenzio. Concentrati sullo spazio vuoto. Vuoto è l’immenso potenziale. Lo spazio Vergine. Fai silenzio e ascolta.

E come dicono i babbani “la veritá prima o poi salterà fuori”. (HP)

06

È il momento giusto per prendere tempo. Visualizzare tutte le mosse possibili e star pronti a metterle in atto appena la situazione migliora.
È il momento giusto per tornare a scegliere in prima persona, per tornare ad essere protagonisti. È ora di smettere di incolpare gli altri per una situazione di cui siamo tutti complici. È ora di diventare respons-abili. Ricominciare con piccole azioni ad essere re e regine e non semplici pedoni. È ora di agire in prima persona per la salvaguardia di tutto il mondo, non più di un singolo stato.

07

Non va sempre tutto bene. Ma abbiamo un grande alleato: la scrittura. Tenere un diario è vitale. Aiuta a fare spazio nella mente per vederci più chiaro.

Quando il pensiero è su carta non è più nella mente che gira e rigira e imbratta anche i pensieri felici.

Puoi scrivere tutto ciò che vuoi e lasciarlo lí per rileggerlo con occhi nuovi fra un pò di tempo, puoi bruciarlo come atto psico-magico per esorcizzarlo, oppure puoi trasformare le emozioni in scarabocchi, gli scarabocchi in disegni e i disegni in capolavori e magari scoprire un talento che non pensavi di avere.

08

Una delle meditazioni che più mi piace è immaginare che i pensieri siano come nuvole.

I pensieri sono come nuvole che si spostano, a volte velocemente, a volte lentamente, a volte bianche e sofficiose, altre grigie e tempestose.

Capita che arrivi un pensiero e quel pensiero si porti dietro un altro pensiero ed un altro ancora. Io li osservo stando composta. Lascio che sia. Non mi lascio portar via. Rimango serena. Io sono il cielo. Il cielo è sempre sereno. Tutto passa. Lascia andare. L’unica costante è il cambiamento. Con un bel respiro profondo posso tornare al momento presente.

Non posso cambiare certi avvenimenti, ma posso cambiare la prospettiva da cui guardarli.
.
.
¬
Subsonica – Nuvole rapide
[E rimarrà forse il vuoto di noi
A disarmare I rimpianti che so
Per ricordarci in un attimo che
Passerà
Flusso, derive, parole
Sugli edifici e sui cieli di noi
Sulle stagioni e sui nostri perché
Nuvole rapide e un attimo che
Domani
Passerà]

09

A volte a fine giornata mi capita di avere il sorriso anche senza motivo.
Magari mi sono preoccupata per tutto il giorno e finalmente stremata, la mente molla tutto e si rilassa, mi rilasso.

La mente vuole sempre avere tutto sotto controllo. Programmare per non avere sorprese.
Gli imprevisti la fanno andare in blackout. Ma sono questi momenti che portano novitá.
Allora mollo gli ormeggi e mi arrendo al flusso. Non posso cambiare la direzione del vento, isso le vele e mi lascio portare dalla corrente.

10

In questi momenti di sconforto trovo vitale pensare a bei momenti del passato e risentire sulla pelle le emozioni provate.

Magari di quando ero più piccola e mi accontentavo di poche cose. Mi arrampicavo sugli alberi che venivano lasciati crescere liberi senza essere potati ogni anno, di quando giocavamo a nascondino o a ‘guardie e ladri’ e chissenefrega della televisione…mi ricordo di quando d’inverno andavo a giocare sui fossi ghiacciati, e d’estate a rincorrere le lepri nei campi con la mia fedele cagnolina Lilli, di quando d’estate al mare si poteva andare ovunque perché la spiaggia era libera e senza mozziconi di sigarette o bottiglie di birra e i parcheggi erano gratis. Di quando le merendine erano un panino al salame/formaggio o una mela… Allora mi metto a scorrere vecchie foto, e i ricordi riaffiorano e come si dice “sembra ieri”… Magari è proprio questo ciò di cui ho bisogno…vedere cosa salvare del passato per visualizzare un futuro più umano e in contatto con la natura.

Qui su instagram ci sono foto di ogni dove sul pianeta. Guardale. Guarda a cosa dobbiamo rinunciare se non ritorniamo a vivere in armonia con la natura.

11

Spengo la wifi e sparendo mi ritrovo.

Quando sono isolata e disconnessa ho tutto ciò di cui ho bisogno dentro. Ho tutto l’universo dentro di me.
Battisti cantava:
l’universo trova spazio dentro me ✨
E Battiato:
Tutto l’universo obbedisce all’amore 💚

12

Non possiamo muoverci ma abbiamo internet e il dono più prezioso…l’immaginazione!
La mente può essere un magnifico proiettore, decidi tu che film vedere✨

Metti in sottofondo i suoni della natura: mare, montagna, boschi…chiudi gli occhi, respira profondamente gonfiando la pancia e buon viaggio✨

Battisti canta: è una vela la mia mente, prua verso l’altra gente…
Eugenio in via di Gioia “stando fermo quanto amo viaggiare”

13

Per rafforzare il sistema immunitario, ancor prima di impasticcarsi con miliardi di vitamine o medicine sintetiche, ricorda che scegliere cosa mangiare è il primo passo.

Cerca di mangiare materie prime poco elaborate, cibi freschi, stagionali, possibilmente prodotti a km 0.

Mangiare meno aiuta ad essere più lucidi e attivi in meno tempo, senza il classico abbiocco. Ricorda: muovendoci meno abbiamo bisogno di meno cibo.

Cerca di bere acqua solo prima o dopo il pasto, non durante.

Non mangiare frutta dopo le 17.
Consumando lo stesso tipo di frutto nell’arco della stessa giornata eviti di appesantire il pancreas, che altrimenti dovrebbe produrre un enzima diverso per ogni frutto.

Espira fuori tutte le preoccupazioni, fai un bel respiro completo profondo e ringrazia prima di mangiare.
Essere consapevoli di quanto si è fortunati amplifica qualsiasi azione.

Mangiando lentamente e in silenzio potresti sentire gusti e provare gioie mai provate prima. Io lo chiamo orgasmo culinario.

Non dare nulla per scontato.

Più vitalitá ha il cibo >
Più vitalitá ha il corpo >
Più pensieri lucidi avrà la mente >
Più strategie e risorse per superare i problemi avrá l’individuo

14

15

16

17

Quante volte hai detto “se potessi dormirei un giorno intero, una settimana intera”? Ora puoi! E il tuo corpo ringrazierá.

Il sonno è una medicina naturale, gratis.

Durante il sonno i tessuti si rigenerano più velocemente e tutte le tossine che abbiamo in circolo per il corpo finiscono naturalmente nei materiali di scarto. Al mattino infatti la prima pipí dovrebbe essere leggermente più densa, e per natura più odorosa appunto perché ha depurato l’organismo.
Per dormire bene prova queste indicazioni:
non tenere televisori o cellulari in camera da letto; spegni tutte le fonti di luce; riduci al minimo/elimina tutti i rumori; evita film violenti, riduci l’uso di caffeina, specialmente la sera, magari sostituendola con una tisana rilassante; riduci l’uso di alcolici; riduci il fumo, la nicotina è un eccitante; mangia più leggero; evita l’attivitá fisica intensa nelle ore serali anticipandola al mattino o al pomeriggio

Prova ad essere a letto giá alle 22.
Qui da me si dice “andar a letto con le galline”…anche se alle 22 loro sono già a letto da un bel pò 😂

Inspirando contrai per qualche secondo tutto il corpo, poi espirando rilascia ogni tensione.
Ripetilo più volte, lo sbadiglio dovrebbe innescarsi naturalmente.
Puoi anche provare a contrarre singole parti del corpo (piede, gamba, mano, avambraccio, braccio, viso, pancia/sterno).

18

Camminare fa bene, lo sanno tutti… dalle più grandi menti illuminate ai bimbi al primo anno di vita quando compiono i primi passi da soli, e sembra che abbiano fatto i primi passi sulla luna e se la ridono di gusto. Vuoi trovare una nuova idea o cambiare prospettiva? Cammina, anche se dovessi fare il solco attorno al tavolo!

Anche in Harry Potter, nella mappa del malandrino si vede Silente che continua a camminare avanti e indietro nella sua stanza in cerca di ispirazione ✨

19

Quando non si può uscire, ciò che resta da fare è entrare. Allora mi guardo dentro, e probabilmente non sarà subito Paradiso.

Dovrò farmi spazio tra i ricordi, tra gli scheletri, le bugie, i rimpianti, i rimorsi, le parole dette di fretta, senza prima pensare, le reazioni brusche, le scelte sofferte.

Tutto quello che c’è dentro non poteva che essere cosí. Dentro di me c’è un’immensa collezione di memorabilia. Unica.
Sta a me togliere lo strato di polvere, entrare di nuovo nelle stanze proibite e far ordine, aprire i balconi, fare le pulizie di PrimaVera e vedere con gli occhi di adulto ciò che da piccolo mi spaventava o ciò a cui all’epoca ancora non riuscivo a dare un senso.

La sabbia che entra nell’ostrica, col tempo può divenire una meravigliosa perla. Sono proprio le difficoltà che spesso mi fanno accorgere di risorse che credevo di non possedere.

C’è una parte di luce in ogni cosa, trovala.
Scava e trova il tuo tesoro. “Alza la testa e lasciati rassicurare;
poiché ciò che arriva quassù dal mondo mortale c’è bisogno che si perfezioni adeguandosi al nostro splendore”.
Paradiso, Dante, canto 25

20

Non sempre il sole si fa vedere, ma al centro del petto abbiamo un grande generatore sempre disponibile.

L’entusiasmo è il combustibile.
Peter pan diceva “tieniti stretto un pensiero felice e volerai”. A lezione di yoga l’insegnante ci faceva riportare alla mente un fatto entusiasmante accaduto durante la settimana e con quel ricordo/emozione viva nel cuore praticavamo assieme il saluto al sole. Hai mai provato? /en·tu·ṣià·ṣmo/
sostantivo maschile
1. Incontenibile spinta ad agire e operare dando tutto sé stesso: lavorare con e.; partecipazione totale, gioiosa o ammirativa, a ciò che si vede o si ascolta: trascinare il pubblico all’e; suscitare l’e. dell’uditorio; generic., infatuazione, esaltazione.
2.Presso gli antichi filosofi, condizione dello spirito, sotto l’urgenza esaltante dell’ispirazione divina.

Origine
Dal gr. enthūsiasmós ‘stato di ispirazione’ •sec. XVI.

21

Per meditare a volte è sufficiente accendere una candela e fissare la propria attenzione sulla fiamma e sentire che effetto innesca dentro di sé.
Possono venirmi in mente dei pensieri che mi portano altrove, quando me ne accorgo ritorno alla fiamma.
Posso anche decidere di inspirare pensando di portare quella luce dentro,
ed espirando restituirla alla candela
(posso farlo anche col sole 🌞✨). Posso anche immaginare le preoccupazioni che più mi pesano mentre vengono buciate da quella luce, come cartoncino che diventa favilla e si alza nel cielo. E pian piano divento più leggera.

La candela è un gran bel simbolo per me: è come se il cilindro di cera fosse il mio corpo e lo spago centrale fosse l’Anima, la scintilla divina.

Basta la luce di una sola candela
per vincere il buio.

Fa che il mio corpo
sia a disposizione dell’anima,
che non si consumi
senza prima illuminare
-Èlena-

22

Sei sicuro che a mettere a rischio la tua vita sia il corona virus e non invece le tue stesse abitudini? Alcol, fumo, 7000caffè, poco sonno, junk food, aperitivi, monitor, wi-fi?

Paracelso diceva che è la dose a fare il veleno…
«Tutto è veleno: nulla esiste di non velenoso. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto.»

23

Mai sentito parlare del “less is more”?
È il periodo giusto per togliere tutto il superfluo e fare ordine. Di cosa posso fare a meno? Quali abitudini malsane posso cambiare? Mi serve davvero il televisore in cucina o in camera da letto? Non respiro meglio senza reggiseno? La pelle del viso non respira meglio senza fondotinta e trucchi? Di quante cose puoi benissimo fare a meno? Ti servono davvero 20 paia di scarpe? Avere un orologio da 200 euro ti aiuta ad aggiungere tempo di qualitá alle tue giornate?

Elimina le sovrastruttute, il David è già nel blocco di marmo.

24

A volte delle belle amicizie si interrompono solo per malimtesi o orgoglio.
Non è mai troppo tardi per riallacciare i rapporti, per chiedere scusa, per dire “mi mancavi, volevo sapere come stai”.
La fretta uccide, la calma invece ci fa vedere fatti del passato con una nuova prospettiva, una nuova consapevolezza.

25

Quante ore passi davanti al cellulare o a netflix o ai notiziari?
Stai ricercando ciò che ami o stai “mangiando” solo ciò che vogliono farti mangiare? Cerchi tu le informazioni o ti accontenti di quelle che ti danno i media?
Sei libero di vedere la bellezza che ti circonda o hai ancora i paraocchi?

Gli occhi sono mossi da muscoli che vanno anch’essi tenuti in allenamento.
Al mattino o quando ti ricordi prova con 12 ripetizioni di ogni movimento:
Alto-basso, dx e sx, diagonali,
cerchi orari e antiorari.
Allenati a cercare bellezza, come un’ape che cerca i fiori, non come mosca che cerca 💩

26

Per alcuni è solo un passatempo, per altri invece è un dono, un’urgenza.
Per me un vero artista non dovrebbe disegnare solamente la sua condizione umana ma dovrebbe ispirare a migliorare, tracciare ponti per condizioni di vita migliori, invitare le persone a riflettere e attuare cambiamenti positivi, portare in terra ciò che ha visto in cielo.

Quando disegni mettiti in ascolto, fai come se fossi l’esecutore di un messaggio che viene dalle più alte sfere.

Se ciò che disegni potesse diventare realtá, continueresti a disegnare mostri e materializzare scenari apocalittici?
.
.
“Ricevo segnali da un mondo perfetto”
Jovanotti

27

È un momento che sta mettendo a dura prova tutti, chi più chi meno… Mi impegno a prendermi le mie responsabilitá per non essere un peso per chi mi sta accanto.

Mi impegno a tenere per me il dolore, la tristezza, la paura… li filtro attraverso il cuore, un fuoco sacro che tutto trasforma, per regalarti solo il nettare sublimato che infonde gioia e amore.

Di tutte le informazioni che ricevo, scelgo di condividere quelle che sollevano l’animo, che danno speranza, che regalano un sorriso.

Leggera come una piuma,
Spiritosa come il vento
-èlena-

28

Senza la notte buia non potremmo nemmeno vedere le stelle.
Quali sono “le stelle” che questo periodo buio ci vuole mostrare?

La mia costellazione preferita è Orione e la vicina coppia Sirio A e B che son talmente vicine da sembrare un’unica stella 😍 Lo sapevi che esiste una teoria sulla correlazione tra la posizione delle piramidi e le stelle della cintura di orione? ✨
.
C’è una stella di Orione che si chiama #betelgeuse che a me ricorda il film Beetlejuice con Winona Ryder che fa morire dal ridere con quella canzoncina che rimane in testa per giorni e giorni (Jump In Line di Harry Belafonte).
Un’altra invece si chiama #bellatrix come una delle cattive di Harry Potter.
E Sirio? È il cane del cacciatore Orione…
è il licantropo #Siriusblack ✨ quante coincidenze eh?!
.
Stasera dovrebbe esserci pure la cometa Atlas che passa a Nord in prossimità della stella polare

29

Riposa e fai arte

30

Tra vita e morte, scegli sempre la luce.
Tra due strade, scegli quella dove intravedi la luce ✨ anche se attraversare il buio è parte del gioco

Back to Top